In Alvernia le chiese… danno le spalle

C’è una regione nella Francia romanica, dove le chiese sono splendide, ma danno le spalle a chi le ammira: questa terra è l’Alvernia, regione d’altopiani e di pietre, scontrosa, si direbbe, proprio come la sue chiese.

AlverniaAbsidiOrcival1

Notre-Dame ad Orcival

E’ come se in Alvernia, tutti insieme, i costruttori del tempo romanico avessero stabilito una nuova gerarchia, per cui è l’abside a contare, più che la facciata. Da ciò discese che la parte absidale doveva essere ricca assai – e quali capolavori ha prodotto questa attenzione! – mentre la facciata, invece, poteva anche essere banale. Ad Orcival, la chiesa di Notre-Dame, maestosa, offre al visitatore appunto le sue absidi, che dominano il villaggio; e la facciata non esiste proprio, terminando la chiesa, o cominciando, ad un metro dal palazzo che le sta di fronte. La sorella Notre-Dame-du-Mont a St.-Nectaire, altrettanto splendida nell’elaborazione orientale, una facciata ce l’ha, ma quasi solo perché c’era spazio, e occorreva completare l’opera. Fredda e dura è la facciata di St.-Austermoine a Issoire, cento volte meno bella della parte absidale; inguardabile, rispetto al resto della chiesa, la facciata della basilica di St.-Saturnin, anche questa dedicata a Maria…

L'abbatiale Saint-Austremoine d'Issoire

La parte absidale della chiesa di Issoire

Si va in Alvernia, allora, per vedere le absidi. Le sei chiese più note e importanti – quelle di Clermont-Ferrand, Issoire, Brioude, St-Nectaire, St-Saturnin e Orcival – fanno a gara con le loro splendide e particolari terminazione ad oriente. In questo loro lato più fotogenico si somigliano tutte – l’abside centrale è circondato da un deambulatorio, su cui si innestano absidiole; ma poi, posta sopra il transetto, trasversale alla navata, si alza una particolare tribuna finestrata, il massif-barlong, e sopra ancora una torre ottagonale – tanto che sembra perfino difficile distinguerle. A ben guardare, però, ci si accorge che ciascuna si differenzia dalle altre per un particolare: a St.-Saturnin, ad esempio, il deambulario manca delle absidiole; a St.-Nectaire le absidiole invece sono tre, a Brioude cinque, a Orcival e a Clermont-Ferrand quattro; ad Issoire l’absidiola centrale, solo quella, è squadrata… Di nuovo comune a tutte è la ricchezza della decorazione, che davvero fa di queste zone absidali l’invenzione più caratteristica e più tipica, il segno vero del romanico d’Alvernia, specialissima regione, riservata come le sue chiese, eppure piena di fascino e di carattere.

∼    ∼    ∼

AlverniaItinerarioLe sei chiese sorelle dell’Alvernia – Clermont-Ferrand, Issoire, Brioude, St.-Nectaire, St.-Saturnin e Orcival – sono collocate nell’area intorno al capoluogo della regione, e scendendo verso sud. Due giorni sono sufficienti per visitare questa regione, dal chiaro sapore medievale, e le sei chiese sorelle: ci si attrezzi per fotografare le absidi, ovviamente, ma anche gli interni; caratteristici e interessantissimi, in queste chiese, anche i capitelli. Avendo più tempo a disposizione si visitino altri gioielli dell’Alvernia romanica: l’abbazia di Mozac, con i suoi capitelli, la chiesa di Mauriac, e la minuscola perla di Lauvadieu, con il villaggio che la custodisce… E ancora: a un centinaio di chilometri più a sud, nel Velay, si offre la meravigliosa cittadina di Le Puy, luogo di pellegrinaggi e miracoli, con la maestosa basilica, e non solo…

AlverniaAbsidiClermontFerrand1

Il florilegio delle absidi di Clermont-Ferrand

11 pensieri su “In Alvernia le chiese… danno le spalle

    • Giulio Giuliani ha detto:

      Tutte decisamente e fieramente orientate. Absidi verso il sorgere del sole. Tutte sull’asse Ovest (facciata) – Est (absidi). Tranne la chiesa di Orcival, un po’ deviata verso Nordest, per evidenti problemi di spazio.

      Mi piace

  1. Giulio Giuliani ha detto:

    Fabrizio Basagni (da Fb):
    Molto belle le chiese dell’Alvernia, ma non ci sono mai stato….benché la Francia l’abbia girata tutta, quella regione che non è né Nord né Sud, né Est né Ovest se non ci vai apposta ti sfugge.

    Mi piace

  2. Paolo Salvi ha detto:

    E’ una vita che sogno di andare a visitare l’Alvernia. Dai tempi di “Asterix e lo scudo degli Alverni” quand’ero ragazzino e tra le latre cose mi dilettavo con quei simpatici fumetti.
    Mi manca ancora ma so che presto la colmerò questa lacuna. Come da noi anche in Francia il romanico infatti assume caratteristiche precise ed uniche in ogni regione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.