Sant’Antimo, una diva che cela il viso

La vediamo sempre così, di scorcio: un’abside possente, un fianco nobile e regolare, e un campanile, imperfetto nella sommità, con un cipresso al fianco. Della chiesa di Sant’Antimo, gioiello romanico in Toscana, le foto e le cartoline raccontano questo.

La basilica è splendida anche all’interno. L’atmosfera è intensa, in questa chiesa tuttora custodita e utilizzata in modo continuo da una comunità di monaci. La navata coperta da un tetto a capriate lignee, è forse unica nel suo genere: in alto infatti sfocia nell’abside senza la soluzione di continuità di solito provocata da un arco trionfale. I capitelli, poi, pregevolissimi, la nobilitano ulteriormente.

Santantimo2Della chiesa di Sant’Antimo, però, pochi ricordano la facciata – che tutti abbiamo visto, peraltro, perché dalla facciata, e non da altri ingressi, si accede all’interno della basilica -. Per quanto è misera, rispetto al resto, verrebbe voglia di non mostrarla, questa facciata. Che è fatta così – la vedete nella foto qui a fianco – e giustamente ogni volta che può si nega alla vista.

Altre chiese meravigliose lo fanno, di dare le spalle a chi arriva al loro cospetto: delle splendide sorelle d’Alvernia, ad esempio, o della basilica immensa di Tolosa, come di Sant’Antimo, tutti ricordano le meravigliose terminazioni absidali, e la facciata, per pudore, si mostra poco, o è prestissimo dimenticata.

 

Leggi anche:

In Alvernia le chiese danno le spalle

Tolosa: St-Sernin e il portale perduto

Senanque, uno dei killer del romanico

11 pensieri su “Sant’Antimo, una diva che cela il viso

  1. Giulio Giuliani ha detto:

    Luca Paleologo Palumbo (da Fb):
    Da quello che mi ricordo io, storicamente avreva un pronao con tanto di leoni stilofori. Che sono in chiesa ora. Quindi facciata bellissima e compiuta. Probabilmente un crollo o un rifacimento l’hanno modificata. Ma i resti del bel pronao sono evidenti.

    Mi piace

    • Giulio Giuliani ha detto:

      Emanuela Lonati (da Fb):
      Ecco quindi..dovevano fare di tutto, anche in tempi antichi, per ripristinarlo…peccato. Per fortuna l’interno è spettacolare e ti fa dimenticare l’ingresso impoverito dagli avvenimenti…

      Mi piace

      • Giulio Giuliani ha detto:

        Luca Paleologo Palumbo (da FB):
        Non è sempre facile. Poi, il pronao, non era un semplice porticato. Aveva ruolo anche di nartece. Con le varie riforme questo ruolo è venuto a mancare….quindi, insomma…ci sta.
        Comunque Sant’Antimo è di altissimo livello. Ricco di materiale di spoglio sia dentro che fuori. È imperdibile.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...