A Saulieu, solo per cinque perle rare

Saulieu è un posto dove bisogna andare preparati, preparatissimi. Cinque perle rare danno un senso alla visita a questa cittadina in Borgogna, che di suo non è speciale: guai quindi ad arrivare a Saulieu senza consapevolezza, col rischio di non vederle, di cercare a vuoto, o di guardare altrove.

SaulieuFuga

Il capitello della fuga in Egitto

Le cinque perle rare sono i cinque capitelli biblici, i più belli tra i tanti scolpiti nella chiesa di St-Andoche. Conviene davvero entrare e concentrare l’attenzione su queste sculture specifiche, che spiccano tra le altre per intensità e fattura. I cinque pezzi pregiati rappresentano un episodio del Vecchio Testamento –  il profeta Balaam fermato dall’angelo – e quattro episodi del Vangelo: la fuga in Egitto, la tentazione di Gesù, l’impiccagione di Giuda, l’incontro del Risorto con la Maddalena. Sono tutti “mezzi capitelli”, nel senso che addossati ad un pilastro presentano una solo faccia completa, quella che si mostra al visitatore, e due mezze facce laterali, perché poi il capitello si fonde con il pilastro retrostante: anche per questo, i cinque capitelli maggiori di Saulieu concentrano con rara intensità il loro racconto, coerente e compiuto, non disturbato da altre rappresentazioni. La scena quindi si svolge unica sui tre lati, come nel caso della bellissima fuga in Egitto, oppure presenta sulle mezze facce un altro momento dello stesso episodio: è il caso del capitello del Risorto, in cui il lato principale mostra il dialogo tra Gesù e Maddalena, mentre di scorcio si mostra quanto accaduto subito prima, cioè l’incontro delle pie donne con l’angelo che le accoglie al sepolcro vuoto.

SaulieuCapitelloPagina2

Le pie donne al sepolcro, sul lato del capitello dell’incontro tra il Risorto e la Maddalena. Da una pagina del volume “La Borgogna” di R. Oursel per Jaca Book

Basterebbe questa “mezza faccia” dedicata al sepolcro vuoto a giustificare un viaggio a Saulieu: l’angelo seduto annuncia la Resurrezione, e la risposta a questo annuncio stupefacente sono gli sguardi stupiti e pieni di gioia delle tre donne, aperti a ventaglio in ogni direzione, a cercare ovunque Colui che non è più morto: erano venute per vederlo l’ultima volta nel sepolcro, e ora sanno che, insieme agli uomini e alle donne di ogni tempo, lo cercheranno per l’eternità nei cieli e sulla terra.

Proprio questa “mezza faccia” dedicata al sepolcro vuoto, dieci centimetri di meravigliosa arte romanica, ribadisce il concetto iniziale: guai a venire a Saulieu senza la determinata intenzione di vedere i cinque capolavori; non c’è molto altro, ma basta e avanza.

 

 

Pubblicato in: Idee

6 pensieri su “A Saulieu, solo per cinque perle rare

  1. Giulio Giuliani ha detto:

    Laura Savaglio (da Fb):
    Ho letto con interesse l’articolo su Saulieu e prendo coscienza che, per quanto abbia viaggiato, troppe cose belle e interessanti ci sono da vedere. Avrei bisogno di altre 7 vite… se bastano!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...