Biduino: il medioevo dentro una foglia

Per due motivi trovo bellissimo questo architrave a San Casciano “di Cascina”: per il suo spensierato equilibrio complessivo, ma soprattutto per una foglia incantata: una, preziosa, inattesa, indimenticabile.

Badate bene: non sono un ammiratore entusiasta dei tanti architravi – tra cui questo – scolpiti da Biduino. Ammetto la sua mano felice di scultore attento alla lezione classica, ma nelle altre opere – molte ne scolpì alla fine del XII secolo nel contado pisano – vedo una ripetitività un po’ scolastica. Però davanti a questa, signori miei, davanti a questo lungo rettangolo riempito di animali e scene di caccia, resto incantato; e più la osservo, più ne ricevo quella sensazione di serenità avvolgente che emana delle opere in grado di sollevarsi, per la loro perfezione, fuori dal tempo contingente.

BiduinoArchitraveCacciaCopertina1.jpg

Grande merito ha l'”impaginazione” perfettamente studiata: ai due estremi della fascia scolpita stanno due elementi verticali – a sinistra un uomo, a destra un albero -; e tra i due estremi, ecco due coppie di masse imponenti e orizzontali, quqai circolari, ciascuna coppia interrotta da un nuovo elemento verticale – un leone rampante tra i due gruppi di animali a sinistra, un uomo in piedi tra i due gruppi di animali a destra -. Al centro, si disegna la coda eretta del basilisco, capace di porsi come una virgola tre le due metà dell’architrave, tra le due coppie di voluminosi animali.

I dettagli, poi, contribuiscono a fare di questo quadro di caccia e di fantasia un vero e proprio capolavoro. Si pensi a quanto arduo può essere a volte riconoscere, nella scultura medievale, un animale dall’altro; ma qui non c’è dubbio alcuno: tutto si legge perfettamente, e sfilano l’orsa con i piccoli, i cani, il leone, i montoni, il cervo, il cinghiale e infine il bue, a cui si aggiungono due basilischi a condire la sarabanda con un sapore di meraviglioso. E si osservino le bocche dei cani che, sia nella prima che nell’ultima scena, addentano l’orecchio dell’animale su cui sono balzati; e si noti la perfetta postura dei loro corpi, tutti tesi nel gesto di mordere e di trattenere.

Io poi mi sciolgo vedendo quella foglia – quell’unica foglia! – che Biduino fa sbucare da sotto il ventre del primo cane da caccia, così da poterla scolpire in rilievo e in primo piano, proprio sul fianco dell’animale, appoggiata al suo pelo come un francobollo. Espediente specialissimo nel tempo romanico, questa foglia che abbraccia l’animale lo riporta come per incanto dentro allo sfondo, dentro l’ambiente agreste che ospita la scena; e cattura ed abbraccia anche noi, richiamandoci più di quanto non facciano i corni dei cacciatori, portandoci nel medioevo senza tempo che Biduino scolpì – questa volta senza tema di ripetizione – su un bianco rettangolo di marmo della Valle dell’Arno.

BiduinoArchitraveFoglia1

La prima scena dell’architrave, con il ramo che passa sotto il ventre del cane

∼    ∼    ∼

L’architrave con scene di caccia e di lotta tra animali (qui proposta grazie ad una splendida fotografia di Sailko) è collocato su uno dei portali laterali della chiesa di San Casciano a Settimo – o San Casciano “in Cascina” – non lontano da Pisa. L’architrave del portale centrale di questa stessa chiesa, con episodi evangelici, è firmato esplicitamente da Biduino (“HOC OPUS QUOD CERNIS BIDUINUS DOCTE PEREGIT”); come pure quello dell’altro portale minore, con altre scene di animali, meno riuscito. 

A Biduino, che operò nell’ultimo quarto del XII secolo, sono attribuiti altri rilievi tra cui l’architrave del portale di Sant’Angelo in Campo e quelli di due portali di San Salvatore a Lucca; ancora, l’intero portale della chiesa di San Leonardo al Frigido a Massa, opera attribuita a Buduino o alla sua scuola, è oggi conservato a New York, al Metropolitan Museum of Art.

3 pensieri su “Biduino: il medioevo dentro una foglia

  1. Giulio Giuliani ha detto:

    Renato Guerrucci (da Fb):
    Beh, poi anche la serie di significati sottesi alle figure ha il suo perché… Il cervo, emblema di Cristo, che vomita acqua sulla tana del drago, emblema del maligno, per stanarlo ed ucciderlo, calpestandolo… Il rilievo è una allegoria sulle tentazioni del maligno, e su come evitarle.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.