Flora fauna genti dalla debole realtà

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Un centauro a Le-Puy-en-Velay

Intorno al grande portale, intorno al Signore che viene nell’Ultimo Giorno, l’uomo romanico scolpisce l’universo in cui vive. E se capitelli e archivolti sono popolati da animali veri e fantastici, da popoli lontani e diversi – tra cui genti dalle grandi orecchie, o dall’unico gigantesco piede – è perché questo è il mondo in cui ritengono di vivere gli uomini del tempo romanico.

Sbaglieremmo se cercassimo di distinguere e separare in questi inventari l’animale reale – il cane, o il cavallo, ad esempio – dall’animale esotico, come il cammello e l’elefante, e dall’animale “fantastico”, quali l’unicorno o l’arpia; tutti queste creature sono infatti ugualmente vere ed ugualmente esistenti per l’uomo romanico. E allo stesso modo sono contemporaneamente vere ed esistenti le popolazioni esotiche e leggendarie. Leone e chimera, pigmei, centauri e cinocefali – non hanno forse una testa di cane gli sciamani di cui di bocca in bocca giungeva notizia? –: l’uomo romanico non distingue, e rappresenta indistintamente queste figure poiché le deriva dal proprio modo di elaborare e costruire le proprie conoscenze.

CentauroLucca

Un centauro a Lucca

E’ fragilissimo, ignorante, e fantasioso, il sapere dell’uomo medievale. Che tende ad affastellare le nozioni una sull’altra, come fa un’enciclopedia redatta a caso, senza sforzo di organizzazione. E’ governato, poi, questo sapere, dalla prevalenza del significato sul fatto: l’uomo medievale, infatti, dà poca importanza ai “perché” reali di un fatto o di un oggetto, se si presenta l’occasione di scovare altri “perché”, filosofici, o didascalici, o morali, o allegorici, che considera comunque più importanti. Sempre ansioso e sempre proiettato in avanti, l’uomo romanico è sempre pronto ad investigare un oggetto a partire dall’etimologia del suo nome più che dalla sua forma, e a spiegare un fatto a partire da un parallelo altro evento storico o mitologico, prima ancora che dalla concreta realtà di quanto accaduto. Lo spiega bene Julius von Schlosser:

“Nel Medioevo, il mondo sembra diventare più grande, sovrastato da un cielo profondo. Ogni pensiero conduce ad esso, è rivolto in alto, non alla piccola terra (…). Dato che tutto ciò che è terreno e individuale è stimato apparenza fugace, e l’essenza e la pienezza del mondo son poste in qualcosa che trascende ciò che è terreno, il vicino e il lontano, il reale e l’irreale perdono i loro contorni definiti e si confondono insieme. Il ‘fatto’, che solo apparentemente è reale, diventa fatalmente indifferente: donde la storia ‘inventata’, i falsi documenti ad maiorem Dei gloriam, la fede nel miracolo, la straordinaria mancanza di critica e l’illimitata credulità del Medioevo” (L’arte del Medioevo, pp. 14-16).

Quello romanico, peraltro, è un sapere che fatica a mettere in campo una qualsiasi analisi scientifica o la verifica, comunque organizzata, di una notizia o di un’informazione. Il controllo delle fonti è spesso impossibile; e quando esse gli forniscono nozioni che riguardano luoghi e popoli lontani, l’uomo romanico deve prenderle per buone così come gli arrivano, rarissimamente di prima mano. Egli ha infatti a che fare con molte popolazioni e molte tradizioni che gli sono “straniere” – il Medioevo è epoca di grandi migrazioni e di contatti tra culture diversissime –, e nel contempo ha pochissimi strumenti di comprensione. In quei secoli, scrive Marc Bloch, “per sapere quel che accadeva lontano era necessario che ognuno, qualunque fosse la sua posizione sociale, si affidasse al caso degli incontri. L’immagine del mondo contemporaneo che avevano gli uomini meglio informati presentava non poche lacune”.

CentauriZamora1

Centauri e sirene a Zamora

Infine, se nella mente dell’uomo romanico le sirene e le amazzoni stanno insieme agli animali delle foreste e ai cavalieri, ugualmente reali, ciò è dovuto anche al modo con cui nel tempo medievale sono connessi tra di loro la sfera del reale, quella della magia e quella del soprannaturale. In questi secoli, infatti, il magico e il divino non intersecano la vita quotidiana dell’uomo come un’altra dimensione, perpendicolare a quella terrena: al contrario, la dimensione del miracolo e del soprannaturale circonda il quotidiano, ponendosi sullo stesso piano terreno. Lo spazio della superstizione, e poi quello della magia, e poi quello del soprannaturale, e poi quello del divino stanno tutto intorno all’uomo, sulla terra, come centri concentrici via via più ampi. E la città degli uomini non deve guardare per forza verso l’alto per incontrare qualcosa di diverso da se stessa: il “selvaggio” e il “mostro” stanno già appena fuori dalle sue mura; e poco più in là dei confini della città comincia già la foresta, che è magica di paura e di meraviglia, di lupi e di draghi; e ancora più intorno ci saranno – l’uomo romanico lo immagina, e gli basta – altre terre, in cui abitano altre genti, gli altri animali mai visti eppure indubitati, altri poteri, altre forze occulte.

Ecco allora che, non verificati e non messi in dubbio, nelle pietre scolpite delle chiese romaniche stanno i popoli e gli animali, quelli visti e quelli di cui si tramandano i racconti. Insieme, così come non distinti circondano l’uomo, non distinti circondano il Cristo in Gloria.

VezelayGrandiOrecchie1

Un uomo e una donna “dalle grandi orecchie” sul portale di Vézelay (foto: http://www.vezelay-visiteur.com)

 

2 pensieri su “Flora fauna genti dalla debole realtà

  1. Paolo Salvi ha detto:

    Ammiriamo le architetture romaniche, le pitture e le sculture che contengono, insicindibili dalle prime, ma non di rado ci sfugge il significato simbolico di tutto ciò che osserviamo; per cui, inevitabilmente, ci sfugge la “comprensione vera” del tutto.
    Addentrarci nei meandri del simbolico, anche se arduo, aumenta inevitabilmente la nostra meraviglia.

    Mi piace

  2. Giulio Giuliani ha detto:

    Marco Squarcini (da Fb):
    Saggio molto interessante e da rimeditare ogno volta che ci si domanda che cosa ci fosse ‘dentro’ quei cervelli europei del Medioevo. Basta, poi, prendere sul serio enciclopedie come Isidoro di Siviglia o compendi di cose mirabolanti come Solino, e non farci deviare da interpretazioni allegoriche o anagogiche…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.