Soria: qui anche i carnefici sorridono

SoriaPortale01

Il grande portale della chiesa di Santo Domingo

C’è un’opera, conosciuta meno di quanto merita, che sta proprio sul crinale del Romanico. Posto là dove l’Europa cristiana finiva e, nel cuore del Medioevo, cominciava la Spagna araba, il portale della chiesa di Santo Domingo a Soria è un capolavoro “di confine” proprio per questa sua collocazione estrema: lontano dai grandi centri di diffusione della cultura monastica – lontano quindi da Cluny, dalle città ottoniane, dalla “Lombardia” dei maestri comacini… – dialoga a grande distanza con i portali francesi di Aulnay e di Saintes. O forse, pur richiamandoli, neanche li riconosce.

Soria05

Un particolare della Strage degli Innocenti

Anche dal punto di vista stilistico, il grande portale di Soria è un capolavoro “di confine”. Romanico per l’impostazione strutturale, con i suoi quattro archivolti scolpiti, poggianti a loro volta su capitelli istoriati, è quasi già gotico nei tratti dei rilievi. Nei volti, che sono di una dolcezza stupefacente – tutti sorridono, anche i carnefici di Erode mentre uccidono i figli di Israele -, già si respira un’aria cortese. E quasi le bocche femminili sono scolpite a cuore, mentre le barbe degli uomini sono nobili e folte, e si direbbero rinascimentali. Parlano già un linguaggio duecentesco anche i capitelli e i fusti delle tante colonnine scolpite a fare da cornice agli episodi del terzo archivolto: leggere, decorate, quasi arredo da castello.

Soria04

I Magi dormienti

Il lento digradare dal sentire romanico a quello gotico sta anche nella scelta dei temi dei quattro grandi archivolti: il primo, dedicato ai Vegliardi dell’Apocalisse, propone l’argomento principe del tempo romanico, evocando, come da copione consolidato, il Giorno della Fine; il secondo resta nel solco della grande tradizione, tutto dedicato alla Strage degli Innocenti, ma composta, quasi dolce, come non ci si aspetterebbe; e se nel terzo archivolto che racconta gli episodi dell’infanzia di Gesù il clima si fa più ancora più lieve e sorridente, nel quarto la vicenda della passione, morte e resurrezione di Gesù ha già una soffusa partecipazione e un tono da racconto che ci ha condotto ormai nel tempo nuovo.

Il portale di Santo Domingo resta un affresco complesso e coerente, ancora pienamente leggibile, ancora godibile in ogni suo dettaglio. Opera di una mano sola, a cui è stato concesso molto spazio e molta libertà, sembra curarsi per nulla del passare del tempo, e tantomeno del mutare dei gusti.

Soria06

I Vegliardi del primo archivolto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...