Nel chiostro una selva, quasi “pagana”

Il romanico può essere sottile, e può essere elegante: l’ho scoperto molti anni a fa a Silos, ammirando per la prima volta i capitelli del chiostro. Il ricordo che ho della prima visita è racchiuso in questa sorprendente avventura: Silos mi aveva mostrato, scolpite nella pietra, non grevi figure di orsi e leoni, ma sottili zampe di caprioli, e volatili fatati, e intrecci vegetali simili trame di merletto, e capitelli che addirittura sembravano leggère ceste di paglia intrecciata.

siloschiostrocapitelli1.jpg

Alcuni dei capitelli di Silos

Mi stupì, questa peculiare sottile incisiva capacità che gli scultori di Silos mostravano, di trasformare la pietra in finissimo decoro. E stupisce ancor di più, nei capitelli del chiostro – senza dubbio tra i più nobili di tutta l’arte romanica – il loro linguaggio quasi pagano. Essi infatti non parlano, come fanno altri, la lingua della Bibbia, e pochissimi, e rovinati dal tempo, sono i capitelli istoriati, in cui si muovano figure umane, rappresentando le vicende dei sacri testi. Demandata agli otto grandi rilievi angolari tutta la parte didascalica e teologica, il lessico dei capitelli di Silos è piuttosto quello della natura: natura “pagana”, perché piena di figurazioni che riportano proprio a quei luoghi – i boschi, la selva, la chioma degli alberi – che più a lungo conservano sentimenti e leggende precristiane; natura “infedele”, perché scolpita con uno stile decorativo che richiama l’arte dell’Islam, proprio per l’assenza di rappresentazioni antropomorfe… E infine foresta “visionaria”, abitata cioè da uccelli fantastici e arpie, da creature demoniache e mitologiche, da ceffi diabolici che, come in un’allucinazione lucidissima, si schierano, capitello dopo capitello, ad accogliere il visitatore.

L’arte romanica, nei suoi capolavori, non finisce mai di stupire. A Silos dimostra tutto il proprio spessore. Evidenzia gli intrecci da cui origina, mostra i richiami e i riflessi di altre culture e di altri mondi, che gli artisti romanici di maggior valore sanno innestare nelle proprie vene, reinterpretandoli e diventandone padroni.

siloschiostrocapitelli3.jpg

Leoni affrontati e intrecciati

 

SilosChiostroCapitelli2

Il chiostro con i suoi due ordini di gallerie

Il grande chiostro di Silos – siamo nel nord della Spagna, in provincia di Burgos – è uno dei pochi che presentano due piani di arcate. E’ quella al piano terra, più antica, a risultare interessantissima per gli appassionati dell’arte romanica. Le sue quettro gallerie, complete, contano in totale 60 arcate a tutto sesto, rette da colonne binate; al centro di ogni galleria sorgono fusti quintupli o quadrupli. Il chiostro inferiore risale al pieno tempo romanico. Due le fasi di esecuzione individuate dagli studiosi, con due differenti “maestri”: agli ultimi decenni del secolo XI risalirebbero le gallerie a settentrione e a oriente; mentre quelle a meridione e ad occidente sarebbero state compiute e decorate nel XII secolo.

Oltre ai 64 capitelli del chiostro si ammirano a Silos i rilievi che ornano i quattro pilastri angolari del chiostro, sei dei quali attribuiti al primo Maestro, che nei rilievi della “Deposizione”, dei “Discepoli di Emmaus” e del “Dubbio di San Tommaso” lascia i suoi indiscutibili capolavori.

SilosChiostroCapitelli6

Arpie in uno dei capitelli del chiostro

3 pensieri su “Nel chiostro una selva, quasi “pagana”

  1. Giulio Giuliani ha detto:

    Ottavio Olgiati (da Fb):
    Scusate, ma sarebbe ora di smetterla con questo giudizio di “paganesimo” dei soggetti della decorazione romanica. Non siete neanche più in grado di decifrare il loro significato e in più avete una conoscenza pesantemente limitata del Cristianesimo in generale e del Cristianesimo medievale in particolare. L’iconografia simbolica del Romanico ha certamente anche componenti di origine Precristiana e Extracristiana, ma non per questo è paganeggiante o anticristiana. Per esempio non è possibile giudicare come estranee al cristianesimo le immagini che i limiti, i pregiudizi e gli stereotipi della mentalità moderna considerano come oscene.

    Mi piace

    • Giulio Giuliani ha detto:

      Pienamente d’accordo sulla difficoltà di comprendere la simbologia medievale, in particolare quando esce dagli schemi per noi consueti. La tua precisazione, Ottavio Olgiati, è doverosa e condivisibile. Il racconto di BeforeChartres non parla mai simbologia “anticristiana” – non avrebbe senso in un monastero, come evidenzi tu – e usa il temine “pagana” tra virgolette o associata ad un “quasi”. Certamente anche fronde, arpie e animali avevano un senso per la comunità monastica, e Before Chartres lo ha sottolineato più volte.
      Capisco anche il tuo fastidio. Certa ricerca del “pagano” o del “magico” dentro il romanico, con il gusto di svelare chissà quali eresie, è diffusa anche troppo. Come scrivi tu, va invece evitata, proprio per i motivi che sintetizzi.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...