Chauvigny: di rosso e di inquietudine

I capitelli di Chauvigny mi inquietavano in passato, e lo fanno ancora. Bianchi e con gli elementi scolpiti bordati di rosso, sono per questa loro peculiarità cromatica davvero diversi dagli altri, tanto che verrebbe quasi da considerarli poco credibili, poco romanici. All’inizio, poi, mi infastidiva fortemente il pensiero che io, questa chiesa coi suoi capitelli speciali… me l’ero persa. Nel mio primo viaggio attraverso la Francia romanica, infatti, lungo la strada che da Poitiers conduce a Saint-Savin, ero passato a pochissimi chilometri da Chauvigny… ma senza accorgermene, e quindi senza fermarmi per una visita.

ChauvignyCapitello

Un mostro con due corpi divora un uomo

Ho continuato a guardarli sui libri, i capitelli di Chauvigny – in particolare questo, con il mostro ricciuto che morde sorridendo una piccola figura umana – e la reazione, a lungo, è stata quella di non considerarli interessanti, un po’ come fece la volpe con l’uva.

Anni più tardi ho visitato finalmente la chiesa, e ho ammirato di persona i capitelli; ma Chauvigny ha continuato a provocarmi disagio. Al temine di quella navata troppo bianca e insieme troppo colorata, le sculture sopra le colonne del coro, con i tratti rossi che le contornano, mi risultano comunque ostiche, diverse. Questione di colori più che di iconografia. Perché è proprio il bianco della pietra, e sono i tratti purpurei aggiunti per marcare i bordi e i fondi, a dare ai capitelli un aspetto insolito e straniante. Così truccati – chissà che cosa ne pensa il Gofridus che li ha scolpiti, firmandone uno – conducono alla Mesopotamia quasi più che al mondo romanico e richiamano certi glifi maya più ancora che le pur vicine sculture di Poitiers e Aulnay-de-Santoigne.

Si fa fatica, si fa davvero fatica, ad accettare l’idea che la gran parte delle opere scolpite nel tempo romanico fossero in seguito trattate con pennelli e colori. A Chauvigny ci si prova di nuovo ad accettare l’idea, e si cerca di capire; ma la sensazione forte è che se colore ci dovette essere, su quelle sculture e su tante altre, non era comunque quello che vediamo adesso.

∼    ∼    ∼

ChauvignyAbsidi2

Le absidi Saint-Pierre

La chiesa di Saint-Pierre, edificata nel XII secolo, sorge al centro della cittadina inerpicata su un’altura. Se all’interno sono decisamente caratteristici i capitelli delle colonne del presbiterio, nella parte esterna molto bello è il piazzale antistante la facciata, che domina la valle sottostante; a oriente si presentano come peculiari le absidi, per la loro terminazione che le fa somigliare quasi a bunker di età moderna.

Chauvigny – o meglio: la città alta di Chauvigny – circonda la collegiata di altri interessanti strutture medievali, di carattere civico-militare: il castello baronale, le altre rocche di Hartcourt e di Montléon, le torri di Gouzon e di Flins. nel castello baronale, al bordo estremo della cittadella arroccata sul colle, vengono organizzati e proposti spettacoli d’uccelli e rappresentazioni di falconeria: il tipo di evento e il contesto dal grande fascino fanno di Chauvigny una delle più “medievali” cittadine di Francia.

ChauvignyVillaggio1

La “città alta” di Chauvigny (foto: Michel Legret)

18 pensieri su “Chauvigny: di rosso e di inquietudine

  1. Giulio Giuliani ha detto:

    Federica Garofalo (da Fb):
    Vero, le chiese romaniche non ci appaiono davvero come le avevano concepite i costruttori: il colore era parte integrante dell’architettura, animava le sculture, rivestiva le pareti attraverso gli affreschi. Noi non possiamo farci che una pallida idea di come fossero in origine.

    "Mi piace"

    • Giulio Giuliani ha detto:

      Anche a Chauvigny siamo di fronte ad una ridipintura successiva, come in Alvernia, ad Issoire in particolare. Il punto è: al di là del fatto che i colori non sono quelli originali, almeno l’effetto è quello di restituire i capitelli com’erano? Oppure no, non erano così nemmeno in origine?

      "Mi piace"

  2. Paolo Salvi ha detto:

    Dopo i capitelli di Saint-Austremoine di Issoire, visti quest’estate, non mi sorprendo più di nulla, e sono stato capace di zittire il mio innato purismo, per una arte romanica, spoglia, severa, a volte grezza, ma franca. Ho accettato di imparare un’arte differente da quella vista tante volte de visu o studiata ed apprezzata sui libri ed ora nei blog.
    E nel tuo splendido “blog”, come sempre ci accompagni verso scoperte magnifiche, con l’umiltà tua innata, di non pretendere di sapere e capire, per poter davvero capire.
    E anche quando descrivi momenti curiosi, con ironia, come la storia della volpe e l’uva, del monumento mancato (che rabbia che provo quando mi succede!), ci fai proprio stare lì, nel luogo e nell’attimo che spesso abbiamo provato senza comprenderlo fino in fondo.
    E te ne siamo grati.

    "Mi piace"

    • Giulio Giuliani ha detto:

      Grazie, Paolo! Sui capitelli “a colori” siamo in piena sintonia: eravamo puristi, ma l’Alvernia ci ha toccato il cuore e ha fatto il miracolo di aprire le nostre menti 🙂 … Ed è bello condividere anche queste piccole conversioni. Però i capitelli di Chauvigny sono proprio strambi 🙂

      "Mi piace"

  3. Giulio Giuliani ha detto:

    Antonella Fabriani Rojas (da Fb):
    Che il romanico fosse colorato è stato per me pure una sorpresa non sempre piacevole (come del resto mi sorpresi di sapere al liceo dall’insegnante di storia dell’arte che pure le sculture e i templi romani e greci lo fossero come quelli etruschi). Non credo che questa colorazione di Chauvigny possa essere originale ma se anche non lo fosse non si distanzia dall’aspetto che poteva mostrare secoli fa. Tra l’altro corrisponde anche all’esigenza di far risaltare ciò che è scolpito che altrimenti neanche si riesce a distinguere. Il risultato è, appunto, ‘mesopotamico’ 🙂
    Che mondo tormentato sembra quello.

    "Mi piace"

  4. Giulio Giuliani ha detto:

    Giuseppe Berton (da Fb)
    Immaginifico e veritiero, allusivo, metamorfico e sinistro: perché non sanguigno, in fondo, questo bestiario antropomorfizzato, come ad accentuarne la forza dirompente, trattenuta al margine dello sbranamento, della stretta mortale eterna di un’oltetomba di dannazione?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.