L’abside è un potente evidenziatore

Abside5

San Pietro a Grado, abside

L’abside di una chiesa è una parabola, è uno specchio convergente. Già nelle basiliche dei primi secoli del cristianesimo, tutto il cammino della navata conduce a questo luogo che moltiplica la magia di quanto accade sull’altare. “La ripresa dell’abside delle architetture civili nella basilica paleocristiana – scrive Raymond Oursel – era ispirata dal proposito di inquadrare l’azione eucaristica, fondamentale nella liturgia, in uno spazio perfetto e specifico, offendo al tempo stesso a colui che presiedeva l’assemblea un posto e un seggio in posizione preminente. La copertura mediante una volta di un quarto di sfera, chiamata pittorescamente ‘conchiglia’ dai testi antichi, e detta ‘catino’ dagli archeologi, ne accentuava la solennità, tanto più che le altre parti dell’edificio erano coperte da capriate in legno o da un soffitto piano” (Oursel, R. Architettura romanica, p. 221).

Come nelle basiliche paleocristiane, anche nella chiesa romanica l’abside conclude con il proprio emiciclo il cammino rettilineo delle colonne, e il cammino rettilineo del fedele. E così facendo ripete e ripropone, anche in orizzontale, il progresso dal quadrato al cerchio – cioè dalla terra e al cielo, dall’uomo a Dio – che già la navata propone in verticale; e così come la sezione verticale della chiesa romanica è composta dal cerchio della volta a coprire il quadrato dell’aula, allo stesso modo la sezione orizzontale conduce il fedele dal quadrilatero al cerchio: dalla terra al cielo, dall’umano al divino.

Abside2

L’abside di San Michele a Hildesheim

L’abside addirittura raddoppia questo percorso dalla linea retta a quella tonda, e quindi moltiplica magicamente il progresso, il salto verso la dimensione soprannaturale: con la propria sezione curva, infatti, conclude con un cerchio l’aula rettangolare; ma poi, con catino che la sovrasta, conclude di nuovo con un cerchio il proprio stesso rettangolo. Ne risulta che l’emiciclo dell’abside è contemporaneamente la conclusione tonda dell’aula e la conclusione tonda della sezione verticale dell’abside stessa. In quel catino, quindi, ogni linea convergente – orizzontale o verticale, a livello di pavimento o più su, in alto – da retta diventa curva. Porta dalla terra al cielo, dall’umano al divino.

Come fosse una grande parabola, il catino dell’abside devia ogni linea che lo raggiunge, e ogni sguardo che riceve, verso l’altare sottostante. E dell’altare diviene non solo la copertura, ma piuttosto una grande macchina evidenziatrice, un grande specchio che riflette sul sacrificio eucaristico la luce della chiesa e le attese del popolo riunito.

AbsideAgliate

Agliate, la navate e l’abside

Leggi anche: GRANDI ABSIDI, FIORE DONATO AL GOTICO

Leggi anche: ROMANICO? E’ IL CERCHIO SUL QUADRATO

4 pensieri su “L’abside è un potente evidenziatore

  1. Laura ha detto:

    Spiegazione utilissima per chi, come me, non ha alcuna formazione in architettura o storia dell’arte, ma è affascinata da queste forme e spazi.
    Certo lo scopo è proprio quello di portare la comprensione del messaggio ad un livello profondo, anche se inconscio, credo.
    Grazie davvero.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...