Corbera: va in scena l’arte di costruire

La pietra, la pietra pura, trasformata in linee, eleganza, perfezione. C’è, in Catalogna, una famiglia di chiese nelle quali è assente ogni forma di decorazione scultorea – non un capitello, né un architrave decorato, né un portale scolpito -. Eppure, queste chiese affascinano, rispondono, appagano, tutte. San Ponçe de Corbera, forse, supera le proprie sorelle per la spettacolare pulizia del suo interno, semplice e rigoroso come una costruzione del primo Novecento.

Corbera2

La navata di San Ponçe

C’è un’ammiraglia, in questa piccola flotta, ed è la chiesa di San Vicente a Cardona, ineguagliabile per la sua posizione, per le dimensioni, per l’articolazione complessa eppure ineccepibile delle sue navate. Ma altre chiese – siamo alla fine dell’XI secolo – sono state costruite allo stesso modo, con muri fatti di pietre piccole, regolarissimi, pienamente simmetrici nel gioco della retta e del cerchio, lineari e sicuri: e tra queste San Ponçe de Corbera sicuramente eccelle. Più piccola della vicina Cardona, ma più grande della lontana Frontanya, come quest’ultima San Ponçe è stata costruita con una sola navata. E in essa si esprime meglio che nelle altre due chiese del gruppo – il monastero di Cassérres e quello di Sant Llorenc del Munt – la sintesi perfetta tra edificato e vuoto, tra pareti e spazi. Linee e fasce di pietra costituiscono i muri, e insieme li raddoppiano con arcate susseguenti; e allo stesso modo la volta, una botte perfetta, è ritmata da altre fasce e da queste è rafforzata. Tutto l’edificio si sostiene in equilibrio leggero; anche la grande cupola, sotto cui la chiesa si allarga in un transetto vasto e ordinato. Nel passaggio tra linee verticali ed archi, semplici accenni di cornici, come tratti di un grafico, o al più splendidi capitelli abbozzati nella stessa muratura di sempre.

corbera4.png

Uno dei capitelli

A questa sua specialissima spazialità, a questi suoi interni tirati su con la squadra e il compasso, San Ponçe aggiunge poi una collocazione suggestiva e ricca di fascino: costruita come chiesa del monastero che sorgeva fuori dall’abitato di Corbera, si trova infatti ora pressocché sola sul colle, ben presto svanita l’autorevolezza e la forza della comunità monastica, e completamente mutate nella funzione le poche costruzioni che le sono attigue.

E se dentro a stupire sono le pareti luminose e pure, preciso susseguirsi di pietre a disegnare architettura, fuori la sorpresa è la mole articolata ed inconfondibile di San Ponçe. Restano nella memoria gli spioventi successivi dei tetti, il trasnsetto vasto, il possente tiburio quadrato, il camminamento fra i coppi che porta ad un campaniletto fuori scala – solo ai suoi capitelli, lassù, è concesso una semplice accenno di decorazione scolpita -. Restano le absidi gialle, che sembrano sorgere dalla terra riarsa del colle, tra i verdi alberi scuri che riempiono la vista di una seconda intensa tinta, a cui il cielo di Catalogna aggiunge, azzurro, un terzo colore.

CorberaM4

La chiesa vista da oriente

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.