Ma chi ha stravolto l’antica facciata?

Quattro chiese dialogano e confessano un segreto. Due stanno in Normandia, e le altre due a quasi tremila chilometri di distanza, in Sicilia: le interroghi, e rivelano in che modo (e per mano di chi) le facciate delle chiese sono state stravolte nel corso del Medioevo, e costrette a mutare così tanto il loro aspetto.

C’era, all’inizio, la facciata tripartita delle basiliche paleocristiane, un modello ripreso centinaia e centinaia di volte anche dai costrutturi romanici. Ebbene: Cos’ha portato alla soppressione di questo modello? Perché questa facciata tradizionale “a quattro salienti”, con una parte centrale più alta a cui si accostano due parti laterali più basse – si pensi ad esempio a San Miniato a Firenze, o a San Zeno a Verona – ad un certo punto sparisce? Come si arriva alla facciata tipica delle cattedrali gotiche – quella di Notre Dame di Parigi, per capirci – in cui il corpo centrale invece è più basso e la facciata sale ai due lati? E chi è l’autore, chi è il “colpevole”, di questo stravolgimento?

Svolgiamo la nostra indagine avendo già chiara un’ipotesi di fondo: il passaggio dalla forma “antica” (che sale verso il centro) alla forma “nuova” (in cui a salire sono le parti esterne della facciata) è dovuto all’accostarsi di due campanili, o di due torri, alla forma originaria. Via via poi i campanili, all’inizio solo “appoggiati” alla struttura antica, la premono, si integrano nella facciata inglobandone le parti laterali, diventando essi stessi “facciata”, pur continuando a slanciarsi verso l’alto.

Chi non crede che la metamorfosi sia avvenuta così, per via di campanili addossati alla facciata tradizionale, guardi bene che cosa accade durante tutto il tempo romanico. Veda come piccoli campanili già affiancano la facciata di alcune chiese molto conosciute – a Poitiers, ad esempio, o a Fromista, o a San Claudio in Chienti nelle Marche –. Pur non avendo ancora preso il sopravvento, e quasi risultando sorprendenti a questo punto del percorso, i campanili in questione prendono posizione ai lati della facciata tradizionale: già annunciano le grandi “torri di facciata”, che stanno per arrivare. Eccole: nel San Nicola a Bari una torre già sorge a destra della facciata, mentre a sinistra ne è stata costruita solo la base. A Fidenza due torri-campanile identiche si impongono ai lati del Duomo. A Tournus, due torri affiancano la facciata ma ne sono ormai parte integrante. A Paray le Monial e a Conques tutto è già compiuto. L’antica facciata “a quattro salienti” è stata soffocata utilizzando due campanili, due torri, che l’hanno stravolta e mutata.

FacciatePercorso

Dicevamo di quattro chiese che – dialogando a distanza a coppie – ci rivelano anche il colpevole: sono le due grandi abbazie di Caen, in Normandia, e le due grandi chiese di Cefalù e di Monreale, nella Sicilia normanna. E ci vuol poco a capire, dal loro dialogo, che ad ideare e a realizzare questo stravolgimento delle facciate medievali sono proprio i costruttori normanni.

Ecco il dialogo: parla per prima la chiesa di Saint-Etienne a Caen, e dice: “Non sarò un capolavoro di leggerezza; ma guardate i campanili che sorgono ai lati della mia facciata, e imparate da essi”. Rispondono dalla Sicilia le due chiese degli Altavilla: “Fin qui è arrivata la tua lezione: siamo entrambe costruite come te, secondo la moda normanna, con due torri, due campanili, a slanciare i lati della nostra facciata”. Da Caen infine risponde l’abbazia della Santa Trinità, che non ha dubbi: “Io ancora più di voi sono mutata: la mia facciata non è quasi più romanica. Sono di un secolo più giovane delle chiese gotiche che verranno ma… guardatemi e ditemi se non sembro già una di loro, ditemi se non sembro Notre Dame di Parigi”.

FacciatePercorsoDue

L’arma del delitto, non c’è dubbio, sono i campanili che “affiancano” la facciata e la dominano; ma i mandanti, e insieme gli esecutori, sono gli architetti normanni. E le quattro chiese turrite che dialogano dalla Normandia francese alla Normandia siciliana lo confermano appieno: il vento che cambia le facciate soffia da nord, e soffia forte anche in Sicilia proprio perché i Normanni ne hanno fatto la loro nuova patria.

E occorre allora riconoscere che davvero molto del nuovo nasce in Normandia: sono i costruttori normanni a “inventare” la volta a crociera, costruendo e sperimentandola a Durham; sono loro a Caen e a Jumièges a rivoluzionare il partito della navata romanica, strutturandolo a registri sovrapposti; e sono loro infine a dare impulso al modificarsi completo della facciata romanica, soffocando quella “vecchia” e inventando quella “nuova”. Per molti aspetti quindi – nelle volte, nell’alzato, nella facciata – i costruttori normanni coronano il romanico; lo portano al compimento e al limite estremo, cioè al punto in cui il romanico morirà, e potrà nascere il gotico.

6 pensieri su “Ma chi ha stravolto l’antica facciata?

    • Giulio Giuliani ha detto:

      Ecco. Parliamone. Perché è vero, il westwerk costruisce davanti “alla facciata” un corpo nuovo, consistente e spesso turrito. Però io non credo che la facciata gotica derivi da un’evoluzione del westwerk. In primo luogo perché il westwerk è elemento altomedievale, che evolve certamente poi, ma… e poi perché il westwerk non è, nella sua funzione prima, un’ingresso, un’entrata. Mentre la facciata gotica invece E’ un’entrata, un accesso, anche ampio e articolato…
      Penso più al westwerk come un elemento che ha avuto un suo sviluppo, in un’area delimitata, portando – sto semplificando molto – ad una chiesa “a due teste”… Mentre altro è il cammino dalla facciata classica, a quattro salienti, alla facciata turrita delle chiese gotiche, che non cambia però il percorso classico dell’accesso alla chiesa. Secondo me.

      Mi piace

  1. Giulio Giuliani ha detto:

    Alessandro Giaquinto (da Fb):
    I campanili nascono come elementi difensivi. Peter Harrison, nel suo saggio ” Le fortezze di Dio” p. 239, propone la tesi difensiva, come calco di strutture arabe. Lo studio proposto da Before Chartres in precedenza è solido.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.