Al di là dell’aldilà: il varco a Santiago

Un colossale accesso: il Portico della Gloria è un varco, un gigantesco varco, per le sue dimensioni reali ma anche per il suo valore di simbolo.

Stupisce per la sua mole, il portale della grande basilica di Santiago di Compostela. Posto tra il nartece e la basilica, non lo vedi dall’esterno, e ti si para dinnanzi improvvisamente, quando accedi al vestibolo; e allora ti accoglie, immane parete traslucida tra te e la navata della chiesa. Nello spazio angusto del nartece, ti sovrasta e ti obbliga ad alzare lo sguardo e a confrontarti con il florilegio infinito dei suoi rilievi. Se di fronte gli altri grandi portali romanici è possibile riassumerne la visione in un solo sguardo, e quindi impadronirsene, memorizzarli come si fa con una poesia, il Portico della Gloria si impone e va affrontato, invece, come un poema complesso.

SantiagoPorticoInaugurazione1

Le ingenti dimensioni del portale in una foto dell’inaugurazione dopo il restauro

Articolato in una grande duplice porta centrale e due accessi minori laterali – strettamente integrati, ben più di quanto accada a Vezelay – il portale di Santiago propone il proprio messaggio utilizzando tutto se stesso e ogni parte di sé, dalle basi scolpite delle colonne fino agli archivolti; il suo racconto è una narrazione perfettamente organica e consequenziale – impossibile descriverne qui ogni parte – sulla Salvezza dell’uomo e sui percorsi attraverso cui è possibile conseguirla.

Ma non è solo per le sue dimensioni, che Portico della Gloria è un gigantesco varco. Quest’opera grande del Maestro Matteo costituisce infatti una porta, un ponte spettacolare tra due culture, quella apocalittica e tutta tesa alla fine, tipica del tempo romanico, e quella della rinascenza gotica, in cui invece l’uomo improvvisamente riemerge, e si colloca di nuovo al centro, e ricomincia a immaginare un futuro per se stesso e per la comunità dei suoi simili. Al di qua della porta stava il medioevo romanico, fermo in attesa dell’azione divina finale; al di là c’è invece il tempo nuovo in cui ricominciano ad agire gli uomini. Che devono comunque inseguire la salvezza, ma non più pressati dall’imminenza di una Fine e di un Giudizio collettivi.

SantiagoPortico1

I profeti sulle colonne che reggono il Portico della Gloria

Il Portico della Gloria, così, è l’ultimo capitolo – o forse già un’appendice – della lunga stagione del pensiero e dell’arte romanico. Nei colori dei rilievi, oggi rinnovati dal restauro, ma anche nei sorrisi, e negli sguardi, e nei riccioli biondi, e nei volti sbarbati, la vita torna a fluire e a prendere il sopravvento. Il grande Cristo al centro della lunetta ha perso l’alterità che aveva ad Autun e a Moissac, fatta di ermetismo e autorità assoluta: siede invece circondato dai suoi santi con benevola compassione, ed ha ricominciato a parlare con loro, e addirittura con gli uomini che, pellegrini lungo il notissimo “cammino”, giungono fino ai suoi piedi.

E’ splendido e grande, il portale del Maestro Matteo. Ma attraverso i suoi varchi aperti, il vento del nuovo ha soffiato con forza sulle residue certezze romaniche – che da decenni ormai si confrontavano con pensieri diversi e inattesi, e da questi erano messe in discussione – e le ha alla fine disperse.

∼ ∼ ∼

SantiagoPorticoVisitatori2

Visitatori ai piedi del portale

Il “Portico della Gloria” è stato scolpito a Santiago dal Maestro Matteo negli ultimi decenni del XII secolo. Anche per chi, come me, vede in quest’opera la crisi del romanico più che la sua apoteosi, la visita a Santiago è irrinunciabile. Il portale è strepitoso nella sua articolazione, oltre che nelle dimensioni, e nella coerente ed eccelsa fattura scultorea.

Da qualche mese lo si visita restaurato: l’intervento ha restituito con grande equilibrio la policromia residua. E se in questo momento l’attesa per la visita, in coda davanti alla basilica, può essere snervante – si accede in gruppi di venticinque e si può restare nel nartece per dieci minuti circa -, è già stata decisa l’introduzione, prossima, di una quota per l’ingresso. E’ possibile prevedere una diminuzione delle code; e nella nuova organizzazione, come accade spesso in Spagna, i visitatori paganti saranno accompagnati da una guida che illustrerà l’opera. E’ bene comunque giungere davanti al Portico della Gloria non impreparati: chi già ne conosce l’iconografia potrà dedicare tutto il tempo al piacere di perdersi tra le figure e i simboli, davvero splendidi.

 

 

7 pensieri su “Al di là dell’aldilà: il varco a Santiago

    • Giulio Giuliani ha detto:

      Contento che sia piaciuto. Per Santiago, e il suo portale, provavo un sentimento di attenzione e diffidenza insieme… Arrivato fino a là, quasi volevo rinunciare a vederlo… Ho atteso ore, e sono stato contento di averlo fatto: è un’opera davvero ingente. Ci ho pensato e ripensato… Ora sono convinto: un’opera meravigliosa, ma davvero al limite del tempo romanico. Le voglio bene comunque 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...