Le ‘chiese-villaggio’, luoghi dell’anima

Tra i doni più intensi che il medioevo ci ha lasciato ci sono le “chiese-villaggio”: Mont-Saint-Michel è forse l’esempio più impressionante, ma molti sono i luoghi, sospesi ancora al Medioevo, in cui la chiesa – una chiesa romanica – si pone come centro del piccolo mondo attorno, come un campanile che richiama e unisce, come il cuore pulsante di un organismo che, intorno ad essa, batte e respira all’unisono.

Luoghi d’altro tempo, e luoghi dell’anima. Before Chartres racconta otto di queste chiese-villaggio d’Oltralpe – altri esempi forse potrebbero essere aggiunti all’elenco – in cui un edificio romanico assume il ruolo di totem, di elemento di attrazione; sono i siti più belli ed emozionanti, sono “isole romaniche”, in cui una chiesa dà forma al piccolo contesto abitativo che le sta intorno, gli regala il suo proprio spirito, e finanche il suo proprio colore. Crea, insieme alle abitazioni che lo circondano, un ambiente speciale, un luogo dello spirito più ancora che un borgo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Conques

Accade a Conques, meravigliosa cittadina di pietra, nelle terre dell’Aveyron. Conta meno di duemila abitanti, ma i pellegrini che salgono senza sosta ad ammirare il portale romanico della chiesa di Santa Fede sono, come i chiamati dell’Apocalisse, così tanti che è impossibile contarli. Tutta Conques, ferma in mezzo ai boschi sulle pendici dei monti come uno stambecco che abbia conquistato la sua posizione, ha il colore della pietra. La grande basilica turrita si distingue e contemporaneamente si fonde con le case e le strade. Tutto conduce al Cristo in Gloria che, assiso nel grande portale, dal XII secolo spartisce i reprobi dai beati, ed annuncia il Paradiso a questi, e molti e diversi supplizi a coloro che scelgono la strada che porta all’inferno.

OasiVezelay1

Vézelay

Anche nella cittadina di Vézelay – distesa sull’altopiano, fatta di molte case, tanto che non diresti conti solo 472 abitanti – tutte le strade portano su, alla basilica della Madeleine. Anche qui le folle fluiscono verso la chiesa, centro di tutto, e poi dalla chiesa discendono. Anche qui tutto sembra essersi ridisegnato, mutato nei tratti e nei colori, a partire dalla presenza unificante di un potente polo di culto. Così la vista del borgo di Vézelay, appoggiato sul colle e circondato dalle terre distese dell’alta Borgogna, dominato dal profilo della basilica e dalla torre che Viollet-le-Duc le restituì, è una delle cartoline più belle del medioevo romanico.

AnzyLeDuc1

Anzy-le-Duc

Ad Anzy-le-Duc e alla sua chiesa abbaziale, circondata dall’abitato, non servono monti e rilievi per farsi notare. Al contrario il villaggio, tutt’uno con la chiesa intorno a cui sorge, riposa immerso nella più placida campagna che si possa immaginare. L’elegantissimo campanile della chiesa abbaziale di Notre-Dame sale, giallo e rosso color del mattone, al centro del piccolo nucleo; intorno, le poche abitazioni e perfino le mucche al pascolo ne riprendono la tinta. Non c’è forse luogo più soave, lungo le mille strade che percorrono i secoli del romanico.

T_FR_Chapaize

Chapaize

Chapaize invece ha un sapore acre. Siamo ancora in Borgogna, ma qui le poche case riunite intorno alla chiesa sembrano dominate, più che riunite, da un campanile ardito e virile; si coglie un senso di sfida nel villaggio antico, dov’è diffuso il colore della pietra chiara, di cui son fatte la chiesa e la torre che sorge sulla crociera. Il tempo e il vento sembrano quasi trasformare la pietra in sabbia; e se la vicina e ben più verde Anzy-le-Duc potrebbe richiamare l’Inghilterra, Chapaize già guarda piuttosto alla più assolata Spagna, o addirittura a certi paesaggi d’Oltreoceano, di polvere e di fatica.

OrcivalM5

Orcival

Con Orcival si torna ad un clima ben diverso; ma anche qui, tra i rilievi vulcanici e verdissimi dell’Alvernia, la chiesa costituisce il centro dell’abitato, a sua volta circondato dai boschi. Qui ad Orcival il colore della pietra è il grigio, che dalle bellissime absidi si propaga nel selciato della piazza, e risale sulle pareti delle case d’intorno. La nebbia, che in montagna è come nuvole basse, non di rado aggiunge grigio al grigio; l’effetto è di grande suggestione e si somma alla bellezza intrinseca della grande chiesa in perfetto romanico alverniate.

Ancora un luogo da cartolina, ancora un piccolo scrigno romanico che diventa, con il suo piccolo spazio abitato tutt’intorno – poco più di un monastero, stavolta – anche luogo da cartolina, paesaggio indimenticabile e inconfondibile. E’ il priorato di Berzé-la-Ville, piccola chiesetta circondata dai resti del nucleo religioso e dalle abitazioni radunatosi d’intorno. Dentro, nell’abside sono custoditi i più nobili ed elaborati tra gli affreschi romanici di tutta la Francia; fuori, coerente si sviluppa un paesaggio articolato – un poggio, un complesso di edifici tra cui la chiesetta si distingue appena, e intorno roccia e terra e vigneti – per nulla banale ma comunque ricco di fascino. Berzé-la-Ville è un nuovo esempio di piccolo borgo nato da una chiesa, e l’assenza di un campanile non sminuisce l’incantesimo.

BerzeLaVilleCopertina1

Berzé-la-Ville

LavaudieuVillaggio1

Lavaudieu

E’ proprio il campanile, invece, a rendere unica Lavaudieu, con la guglia della sua chiesa tranciata dalla Rivoluzione e ricostruita con una completamento singolare e meno ardito. Il villaggio, con i suoi duecento abitanti o poco più, è strepitoso, specie se osservato dal livello inferiore, quello del ruscello che scorre ai piedi della scarpata su cui si è insediata, nel XII secolo, l’abbazia femminile. Lavaudieu – come tutti i villaggi romanici di questa rassegna – contiene al suo interno preziosi gioielli d’arte; ma sarebbe meta perfetta per chi cerca il medioevo dei borghi anche se non avesse i suoi affreschi, anche se non possedesse uno dei chiostri più belli d’Europa, tanto appassionante quanto povero e rustico.

MontSaintMichel2

Mont-Saint-Michel

Che dire? Mont-Saint-Michel, su, in Normandia, resta il prototipo dei borghi medievali aggregatisi intorno ad una chiesa romanica. Con il suo stesso nome – Mi-ka-el, “Chi come Dio?” – l’Arcangelo patrono scoraggia i paragoni e i confronti; e la particolarissima vicenda dell’insediamento monastico che ha colonizzato l’isola – un’isola vera e propria, stavolta – davvero costituisce un unicum difficilmente confrontabile con la storia di altri siti. Ma le chiese-villaggio con cui il tempo romanico ha punteggiato il paesaggio sono moltissime, e alcune – da Chapaize a Conques a Berzé – sono in grado di dare emozioni altrettanto intense, e forse ancora più vere e profonde. Là dove un altare tirato su nel nulla diventa il centro della vita tutto intorno, lo spirito romanico vivifica e rende fertile ogni cosa, e la chiesa si fa oasi, si fa meraviglia. E anche l’animo dei pellegrini moderni in qualche modo ne riconosce l’ombra confortevole, e sente scorrere, in quest’oasi, un silenzioso torrente d’acqua pura.

 

 

2 pensieri su “Le ‘chiese-villaggio’, luoghi dell’anima

  1. Paolo Salvi ha detto:

    Questo post è molto suggestivo, un tema davvero che mi appassiona quello dei borghi sorti attorno e chiese ed abbazie romaiche. Sono luoghi dell’anima per me, che li amo profondamente. Tanti che citi sono famosi, capolavori supremi (Conques, Vezelay, Mont-Saint-Michel), alcuni da tempo li ammiro dai tuoi post e li ho messi nei miei futuri piani (Anzy-le-Duc, Berzé-la-Ville, Chapaize), e condivido pienamente i tuoi rimandi all’Alvernia che, sai, porto nel cuore, Orcival e Lavaudieu, due gioielli architettonici immersi in un continuum urbano estremamente pregevole.
    Tanti luoghi si possono aggiungere (Cuxa) in Francia, certo, ed in altri paesi (Italia e Spagna su tutti) che hanno realizzato magnifiche architetture romaniche in contesti sperduti e immerse nel paesaggio.
    Luoghi sublimi dei quali vado da sempre in cerca, che mi si confanno.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.